Musica in Aria

DSCF6924

 

“Quando pensi che tutto sia finito, nulla è finito”
(Euro Teodori)

 

 

 

20170709_004424 (1)

 

EURO TEODORI muore il 16 luglio del 2014. A salutarlo quel giorno si ritrovano senza darsi appuntamento diversi musicisti. Non ci sono parole, ma nel silenzio di quel luogo, sono le note a rendergli omaggio. Un clarinetto, i tasti del pianoforte, una chitarra, archi, fia- ti e una voce che intona un canto, ne accompagnano dai balconi di Monterubbiano l’ultimo saluto. Non è un addio ma la conferma che l’arte è più che mai viva…

DSCF5402

 

 

 

 

“Lassù nel cielo come un castello incantato sta la porta di vetro della felicità”
(Euro Teodori)

 

 

 

 

 

MUSICA IN ARIA nasce per ricordare quel momento e per non dimenticare Euro Teodo-ri, attore e musicista marchigiano. Artista e personaggio eclettico, impegnato su più fronti: cinema, teatro, musica, composizione, poesia, pittura. L’evento è itinerante e tutti gli artisti che vi partecipano si incontrano, semplicemente e profondamente, in nome dell’arte e in sua memoria.

MuSiCA iN ArIa – Monterubbiano 2015

musica in aria

 

 

 

 

 

 

 

Monterubbiano ringrazia gli artisti

Stefano Nicolai fisarmonica
Roberto Bellavigna fisarmonica e pianoforte
Marzio Moriconi clarinetto
Marco Milozzi & co. chitarra
Alessio Lupi didgeridoo
Carlo Federiconi Hang
Luca Cognigni tromba
Renzo Pasquarè tromba
Federico Bracalente violoncello
Graziano Basili Tromba
Umberto Barale fisarmonica
Mariano Pancrazio clarinetto
Marcelo Barissani chitarra e basso
John Healy chitarra
Mariana Beatriz Leonardi arte in movimento

musica in aria
nel segno di Euro Teodori
in questa sera scomunica di afa atroce
le chiese disserrano i loro chiavistelli preziosi
e squille d’eterno si mescolano per le vie
all’imbrunire
con la gente che ruzza nei bocconi ultimi della luce

a Monterubbiano
altana antica di storia e tempo desiderio ampio di silenzio
ordito romitorio di pensieri antelucani
una notte diversainversa risuona dopo il frivolo del giorno
portando ragioni interminate di morte e di gloria

il cielo si sperde a cateratte nei vicoli profumi
e le stelle fioriscono discrete sui selciati di porfido
negli angoli delle palpebre svegliate da gelsomini
sonori sospesi alti sui balconi lievitati da torrenti notturni
alle spalanche finestre

da lontane regioni da sonni acuminati
da tutto il letargo grande di vetri e persiane
una fisarmonica arrampicata singhiozza altera emozionando
la nota che soffia negli strumenti in attesa sulle corde
di aeree chitarre vicine lontane vigorose nostalgiche
sui fori euforici pigolatori struggenti
del clarinetto soprano in Si bemolle che risponde e riavvia
che attacca e spegne che bofonchia rissa e piange

chi mi chiama al cuore grande della sera?
chi mi addossa un vessillo d’aria e incenso fuso?
chi fa risuonare una remota campana in frantumi
seguendo il crepitio inavvertito delle stelle terragne?
lo spalanco dell’atrio il silenzio del palcoscenico mi dice
che l’ascolto è fuori che il teatro è fuori
senza ingombro di scene fittizie innalzate da lugubri cordami
libero come la vita insensata passeggera ineguale
sorprendente

la eco che scivola nel mezzo
lungo il corso che circoncide case porte e finestre affacciate
sul giorno agonizzante e sulle ore ridotte
mi conduce a chi percuote la materia duttile dell’hang
perché con polso mani e dita diventi strumento
metallo nella sua fusione di calore e leggerezza
calotta allacciata senza emisferi
canto arenato prima del sogno
giungerò mai al tuo tuono senza impalcatura?

dal chiuso sconsacrato alleggerito dagli anni
dalla rifiuta acerba spiritualità francesca
una tromba lacerando le sillabe nell’aria refrattaria
inabissa sul portale anche il mare lontano
e chiama a raccolta uno sterminìo di bimbe criniere
su immobili praterie che la notte distribuisce solerte
notte radice sprofonda notte del gioioso funebre notte
grandezza della mente e del frumento cuore seminato

il viaggio della morte col suo cigolio abominevole
non ha sentito quassù che respiri vitali che passioni
accese che menti trascorse dalla dolcezza inesplicabile
del somnio ed ha traghettato il carro nuovo del trionfo
nel sonoro cresciuto per ogni dove

anch’io aggiungo il mio canto solo picciolo e frutto
con tutta l’anima assetata di vita corsiera

datemi un unico strumento una somma scapigliata
che colmi ogni sonorità terrestre
datemi il vento che percuote la foglia che ammacca e sibila
datemi il mare protervo nell’ondare fastoso e l’uragano
in improvvide fughe marcescenti
datemi il singhiozzo del fiume il lamento spezzato della luna
le carovane nomadi delle stelle assopite
e la pigrizia roca di questo cielo atono scoloro

uno smaliziato violoncello colto crocefigge tutte le ombre
salendo verticale tra le finestre obbligate
apre la sua corteccia terrestre alle note che le dita
solerti misurano audaci mentre l’arco sfrega sulle corde
tese da inesaurite melodie arcobalene

nel chiuso remoto si danza
e nella danza batte il petto il suo ordine totale
mentre pop e folk aprono la loro anima di chiara trasparenza
su tutto l’ordine minuto inutilmente pietrificato
quando bussando incuranti alla porta serrata della chiesa
due freschi cuori battono ricolmi di rocambole chitarre primavere

ascolta
la mente torna ad essere seme profondo della terra palpito
l’odore sepolto dei fiori nasce sui mattoni
sulle pareri in processioni disadorne
mi avvicinerà scrosciando all’universo fino a quando
chiamerà a raccolta una selva di palpebre accese
di punti nodali senza memoria senza patria senza dolore

suonami tutti gli odori della pioggia chitarra sapiente
che mieti inesauribile il silenzio
e fammi ascoltare il suono disordinato della mia esistenza

in un attimo l’interminabile dolce martirio spalancato
si sospende con i resti delle note ancora vagolanti
del vento contadino che tace delle ore neonate appese
poi
alla quiete richiamata da un rabbercio corteo
nella piazza anfiteatro
risuona immenso il grande cuore ambulante di Euro
unicamente concerto per tromba e banda
solamente quasi marciabile

i giochi d’acqua e di sabbia manomessi a commento
slabbrano gli spazi ordinati dalla lavagna luminosa
vorrebbero rompere l’accerchiamento funesto
il limite dato il teorema che non chiude il vacillìo
singhiozzo delle certezze attraverso il sangue esploso

l’applauso diffamante protervo estingue ogni pudore
ogni tacito illusorio

al parco di San Rocco
si rinnova il fragrante cuore della sera
al parco di San Rocco
cresce la notte nella sua spirale imprendibile di luce
al parco di San Rocco
Monterubbiano inchioda
i suoi cuori nuovi di morte sonora e di speranza

Monterubbiano, sera e notte del 16 luglio 2015

Giarmando Dimarti

MuSiCa In aRIA – Torre di Palme 2016

musica in aria 2016 estate(2)musica in aria 2016 pannello(2)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torre di Palme ringrazia i musicisti

Lara Amadio – clarinetto
Umberto Barale – fisarmonica
Marecelo Barissani – chitarra, basso
Graziano Basili – tromba
Roberto Bellavigna – fisarmonica
Federico Bracalente – violoncello
Francesca Bracalente – voce
Antonio Ciccotelli – corno
Luca Cognigni – tromba
Emilia Corbelli – fisarmonica
Claudio Del Papa – tenore
Dominic Gover – sassofono
So Eun Jeon – pianoforte
Antonella Malvestiti – pianoforte
Ermanno Maoloni – clarinetto
Chiara Marangoni – voce
Lucia Marchioli – viola
Ed Matthiack – basso
Michelangelo Mattii – oboe
Clive Miller – batteria
Marco Milozzi – chitarra, voce
Giordano Moriconi – chitarra
Sara Paciotti – flauto
Mariano Pancrazio – clarinetto
Giacomo Perticarini – canto moderno
Gavin Petrie – voce e chitarra acustica
Roberto Piermartire – tromba
Tommaso Pistagnesi -fisarmonica
Clara Renzi – soprano
Alberto Ricci – basso
Yvonne Roe – soprano
Ignazio Sala – fagotto
Paolo Scipioni – chitarra, voce
Luca Spaccapaniccia – fisarmonica
David Stern – chitarra acustica
Pierluca Trucchia – tenore
Gaia Valbonesi – violino
Steedley Wills – canto moderno

 

MuSiCa iN ArIa – Borgo di Marano 2017

musica in aria 2017 estate web(1)

 

musica in aria 2017 pannello web

 

 

 

 

 

 

 

 

Cupra Marittima ringrazia i musicisti:

Marco Africani, compositore
Umberto Barale, fisarmonica
Graziano Basili, tromba
Federico Bracalente, violoncello
Massimo Burocchi – basso
Antonio Ciccotelli – Fisarmonica
Claudio Del Papa, tenore
Andrea Esposto, violino
So Eun Jeon, soprano
Caterina Ferroni, soprano
Fulvio Fiorio, flauto
Matteo di Iorio, violino
Nelita Maiolatesi, oboe
Alfredo Mercuri, piano
Diego Mercuri, voce, chitarra e armonica
Giordano Moriconi, chitarra
Philip Micheloni, baritono
Diego Marani, sax soprano
Sara Paciotti – flauto
Mariano Pancrazio, clarinetto
Giacomo Perticarini, tenore
Gavin Petrie, voce e chitarra
Vincenzo Pierluca, viola
Clara Renzi, soprano
Yvonne Roe, soprano
David Stern, chitarra
Pierluca Trucchia, tenore
Steedley Wills, soprano