Per condividere la bellezza e la diversità

» Posted on giu 23, 2007 in Eventi

Per condividere la bellezza e la diversità

“Un anno fa tutto ciò era solo un pensiero. Un  pensiero nato dall’incontro di tre persone , che pur da esperienze diverse, arrivavano alla stessa conclusione: che non è possibile un’integrazione e un rispetto delle diversità, sia esse psicofisiche che cultdiversoinverso 500 046urali, senza una crescita a livello culturale e spirituale della società umana.
La mia esperienza scaturisce da diciannove anni di vita accanto ad un figlio disabile, da una quotidianità passata a mediare due mondi molto lontani,  sconosciuti l’uno all’altro, mondi che evitano d’incontrarsi perché incapaci di comprendersi, allontanati dalla paura generata dall’ignoranza. Quell’ignoranza, che molti, tanti artisti hanno combattuto costantemente seminando, soprattutto nei giovani, l’amore per l’arte  e la poesia nella vita; e proprio una piccola allieva del maestro Euro Teodori, Barbara Mancini, oggi donna, condivide con noi questo progetto  donando la sua straordinaria esperienza filosofica ed artistica, nell’applicazione dell’arte nel variegato mondo del disagio. Amici a noi cari, si sono uniti in questo progetto, nel tentativo di gettare un seme in questa terra ormai scarsa di humus d’amore e di poesia, una terra resa arida dall’avanzare dell’ego, del consumismo, dove l’interesse privato prevale costantemente sul benessere della collettività.
La Fondazione “diversoinverso –per un vivere più umano” vuole essere strumento per la collettivitdiversoinverso 500 066à, luogo d’incontro e confronto fra  diversi pensieri, culture,  religioni ed espressioni artistiche. La condivisione dell’arte potrà aiutarci ad alimentare la cultura del rispetto e della comprensione reciproca, nella valorizzazione delle diversità,  sia esse psicofisiche che culturali. E’ proprio a queste diversità e al loro mondo che vogliamo dare la parola, per poterlo comprendere, evitando di disperdere un patrimonio umano difficile da immaginare.
Provate a chiedere ad un madre, cosa significhi per lei la sua vita accanto un figlio così apparentemente diverso dal vostro. Basta  un  po’ di coraggio  e si apriranno  porte in luoghi permeati d’amore e di poesia, dove ogni piccola cosa (insignificante e priva di desiderio per il mondo dell’agio) acquista un valore divino. A queste madri  e padri, spesso lasciati soli dalle comunità e dalle istituzioni, desideriamo offrire la possibilità di condividere insieme questo luogo con il suo teatro, il suo giardino, il silenzio, la sua armonia. Ma non per un giorno soltanto;  questo è possibile grazie alla disponibilità degli appartamenti che l’attività turistica “La Rosa Scarlatta” mette a disposizione della fondazione.  Tutto ciò sarà realizzabile se i radiversoinverso 500 017gazzi, saranno contemporaneamente ospitati, grazie all’intervento delle Istituzioni, in strutture adeguate. Ringrazio i rappresentati delle Istituzioni per la loro presenza e per quanto potranno fare.
Ai tanti giovani e non solo che vivono il disagio di un’esistenza,  insieme all’associazione Philosofarte, dedicheremo soggiorni di terapia dell’anima e pratica filosofica finalizzati alla conoscenza del sé e dello spirito del profondo. Percorsi personalizzati grazie a colloqui conoscitivi con possibilità di seminari di scrittura creativa, laboratori teatrali e visite al Libro rosso di Jung.
Lavoreremo affinché la fondazione diventi,  luogo d’incontro per tutte le realtà del territorio, affinché si possano realizzare iniziative che consentano significative esperienze nel campo dell’integrazione sociale. La scuola, i centri diurni e residenziali, le case per anziani, gli istituti penitenziari, ogni tipo di comunità potranno trovare nella Fondazione quel supporto esterno di coordinamento che possa consentire ad esse di rendere più gioiosa la vita e nello stesso tempo, possa contribuire ad una più umana cultura della nostra società.
A quel patrimonio straordinario, particolarmente fecondo in questa terra, che si manifesta, spesso inosservato da troppi, tramite la poesia, la musica, la pittura,  il teatro, le arti in genere, vogliamo dedicare il nostro impegno affinché possa esprimersi in tutte le sue potenzialità; Presunzione questa? Noi crediamo di no e crediamo necessario, ora più che mai, dedicare a loro la nostra attenzione affinché si possa fare un censimento degli artisti del territorio e delle loro opere; ci  impegneremo a realizzare una sala dove questo patrimonio possa essere custodito e consudiversoinverso 500 039ltato  da chiunque lo desideri. Agostino dice nel suo “ De Musica”: imbrigliare la realtà, vedere le idee, ascoltare la struttura dell’Universo. Questo è il fine. L’arte è sempre stata strumento di comunione tra i popoli,  espressione dell’aspetto più sublime della vita, manifestazione della “bellezza innata in ogni cosa”. Di questa “bellezza”, che nutre e rende vitale l’anima,  è importante riappropriarsi.  La fondazione ha la fortuna di nascere in questo luogo permeato di “bellezza”, in un paese che ha mantenuto la sua armonia, in una terra piena di fascino e di magia dove è ancora possibile ascoltare il linguaggio del silenzio.  Chi ci ha preceduto ha lasciato nelle nostre mani questo patrimonio ancora poco contaminato, del quale possiamo solo esserene custodi per le generazioni future, e in particolare  a questo paese  e ai giovani del territorio offriamo questo spazio affinché possa diventare luogo d’incontro e officina dove ogni pensiero possa prendere forma. Crediamo importante  fare un censimento degli artisti del territorio e delle loro opere, ci  impegneremo a realizzare una sala dove questo patrimonio possa essere custodito e consultato. Ci impegneremo anche a catalogare e promuovere tutte le opere artistiche del Maestro Euro Tdiversoinverso 500 030eodori, che da oggi fanno parte del patrimonio della fondazione.
L’arte è sempre stata strumento di comunione tra i popoli,  espressione dell’aspetto più sublime della vita, manifestazione della “bellezza innata in ogni cosa”. Di questa “bellezza”, che nutre e rende vitale l’anima,  è importante riappropriarsi.  La fondazione ha la fortuna di nascere in questo luogo permeato di “bellezza”, in un paese che ha mantenuto la sua armonia, in una terra piena di fascino e di magia dove è ancora possibile ascoltare il linguaggio del silenzio.  Chi ci ha preceduto ha lasciato nelle nostre mani questo patrimonio ancora poco contaminato, del quale possiamo solo esserene custodi per le generazioni future, e in particolare  a questo paese  e ai giovani del territorio offriamo questo spazio affinché possa diventare luogo d’incontro e officina dove ogni pensiero possa prendere forma….
Scusatemi se ora dedicherò qualche istante alla persona più importante per me, mio figlio Umberto Maria, e alla mia esperienza di vita con lui. Ma la sua presenza nel mio cammino è stata dirompente, e gli eventi dirompenti non possono che essere il preludio di grandi cambiamenti. Penso che sia  così per tutte le madri allediversoinverso 500 058 quali il destino traccia  queste strade. Con mio figlio ho vissuto momenti di grande amore, ma anche di grande sofferenza, esperienze alternanti. Il dolore non dipendeva tanto dal suo stato, una madre trova sempre un senso che la riconduca all’amore, quanto dall’impatto con il mondo esterno, volutamente distratto, disinteressato, a volte aggressivo, spesso infastidito dalla nostra presenza. Momenti di vita, che  hanno allenato la mia anima alla rinuncia, alla pazienza, alla comprensione, alla costanza,al coraggio, all’umiltà, all’amore incondizionato, alla serena accettazione del destino, alla dignità di essere umano. Con lui ho ritrovato la mia anima, e il senso della mia esistenza. Senza di lui, oggi, non saremmo qui, e a lui, che ha sempre tanto amato il teatro, dedico oggi questo spazio e questa giornata con voi”.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>